Erasmus+ “Z Generation In Digital Classrooms”: viaggio in Polonia per alcuni alunni dell’ I. C. 47 Sarria Monti


Erasmus+ “Z Generation In Digital Classrooms” 2

Per la prima vota nella storia dell’Istituto Comprensivo “47° Sarria-Monti” di Napoli, un gruppo di alunni di scuola Primaria ha effettuato un viaggio Erasmus+ all’estero.

Grazie alle attività previste dal Progetto “Z Generation In Digital Classrooms” (Codice 2017-1-TR01-KA219-045663), 4 studenti di III e V classe hanno partecipato al Learning Teaching Training Activity “Using Kahoot/ Quizlet/Quizizz/ClassDojo”, dal 6 al 12 Maggio 2018, presso la SzkolaPodstawowaim. M. Kopernika w Czaslawiu  di Raciechowice, in Polonia.

Un’intera settimana durante la quale gli studenti hanno frequentato la scuola polacca, hanno ricevuto ospitalità presso alcune famiglie ed hanno fatto numerose ed intense esperienze di socializzazione e di apprendimento, sia con gli alunni locali, sia con coetanei provenienti da Romania, Portogallo e Turchia.

Hanno studiato/giocato insieme in gruppi misti di nazionalità, utilizzando applicazioni online del web 2.0, cooperando e comunicando in inglese per trovare la risposta corretta a test di cultura generale sui 5 Paesi della partnership.

Divertimento garantito e obiettivo di socializzazione pienamente perseguito!!

 

Le coordinatrici del progetto in Italia

ROSSELLA PALMIERI 

ORNELLA CANNEVA

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Maggio dei Monumenti: Fondazione Vico protagonista
Successiva CENA SOTTO LE STELLE PER I MAGISTRATI

Articoli Suggeriti

ONORATO IL 4 NOVEMBRE CON IL BATTAGLIONE TRASMISSIONI “VULTURE”

A PORTICI TRA CIELO E TERRA: LA NOTTE BIANCA DELL’APOLLO 11

TEATRO TROISI: E FIGLIE SO’ PIEZZE ‘E CORE

Villa Matilde, alla scoperta delle origini del Falerno

San Giorgio a Cremano: gazebo, chioschi, dehors e pensiline per bar e ristoranti

Stati Generali della Salute: le malattie rare sono le grandi assenti