A Pompei nasce Trigaio, wine bar e ristorante


Trigaio

Pompei, salita per fortuna agli onori della cronaca per fatti positivi (gli scavi archeologici registrano quasi ogni fine settimana decine di migliaia di presenze), è ormai divenuta una città in cui gente proveniente da ogni angolo del mondo si reca per vivere la storia e vivere una storia. Ragion per cui tanti sono i progetti sorti come corollari al forte potere attrattore del famoso sito archeologico: tra questi c’è il wine bar e ristorante “Trigaio”, ubicato nel cuore di Pompei – a pochi metri dal Santuario (altro fiore all’occhiello della città) -, in via Lepanto 180.

Il termine “triga” indica un carro a tre cavalli che veniva usato dagli antichi Romani. Tre sono infatti  icavalli di battaglia” del locale, organizzato per l’appunto su “tre piani di buon umore”: la gioia inizia al piano  terra con il wine bar ove è possibile sorseggiare ottimi aperitivi oppure buoni vini, che possono essere poi abbinati a piatti eleganti e al contempo semplici perché fatti con ingredienti i cui profumi e sapori raccontano il territorio (dai taglieri di formaggi e salumi, accuratamente selezionati, accostati da mostarde e frutta secca, alle fritture, passando per le zuppe di fagioli spollichini o di patate avezzane), il tutto accompagnato da buona musica oppure dalla lettura di un quotidiano; al primo piano c’è la cucina a vista ove tutti i “buoni intenditori” possono ammirare la brigata di cucina – composta da personale qualificatissimo – all’opera per la creazione di piatti tipici della tradizione, rivisitati secondo “l’estro e l’umore del giorno”, che possono essere poi consumati al tavolo oppure “spiluccati” comodamente seduti su un divano e – nell’attesa – è possibile anche leggere un libro oppure divertirsi con un gioco di società; al secondo piano, oltre a potersi accomodare per trascorrere un piacevole momento all’insegna del buon gusto e del buon umore, è possibile organizzare eventi e feste private.
Pane, grissini, tarallini sono rigorosamente home made. Nel menù, che varia a seconda della stagionalità degli ingredienti, compaiono tartare di dentice verace, polpo arrosto con maionese e croccante di patata, mini burger di salsiccia di nero casertano con fondente di provola e spaghetti di friarielli su crema di pane (rivisitazione del classico panino salsiccia e broccoli). Da provare lo spaghettone di Gragnano a mo’ di “scapece”, e le candele di grano duro alla genovese. Una menzione speciale va fatta alla fritturina di paranza con croccante di verdurine e composta di nespole e limone, e poi alle alici di Cetara ripiene, e alla pancia di maialino nero casertano cotta dolcemente.
Insomma, Trigaio non è un semplice ristorante, ma uno spazio polifunzionale finalizzato a mettere a proprio agio, far stare bene, chi vi accede.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedente Festa della Mamma: il 13 Maggio a Meta si riscopre la magia delle favole
Successiva AL VIA CARACCIOLO GOLD RUN

Articoli Suggeriti

Rinasce la Cappella Pignatelli

Maggio del Pianoforte, in gara il quindicenne Davide Scarabottolo

Torre del Greco, in arrivo “Mediterranea “: musica tra le stelle ed il mare

Le star scelgono le nuove pochette SS 2016 Monya Grana

Cinema: Social World Film Festival, un’edizione da sogno

Centro Teatro Spazio, aperto il bando per le compagnie amatoriali