Artigianato in Carnia: il futuro della tradizione


Tramandati da padre in figlio e da madre in figlia, fra le montagne della Carnia si sono mantenuti intatti antichi mestieri: lavorare ed intagliare il legno, battere il ferro, tessere, lavorare la pietra, realizzare gli scarpets (le tradizionali pantofole di stoffa), modellare e dipingere terrecotte… Eredi di una tradizione la cui storia è splendidamente documentata nel Museo della Arti e Tradizioni Popolari di Tolmezzo, gli artigiani carnici aprono oggi le loro botteghe ai turisti e mostrano come – con gesti precisi e semplici strumenti – sanno creare oggetti  d’uso comune e piccole opere d’arte.

Un compendio di tutto quanto di meglio produce la Carnia oggi in fatto di artigianato è la Rassegna artigianale e artistica della Carnia, che si tiene fino al 28 agosto a Socchieve, organizzata dal Comitato “Gianfrancesco da Tolmezzo” di Socchieve. Giunta alla sua XXXVIII edizione, vetrina di eccellenza dell’artigianato carnico, questa rassegna ormai “storica” valorizza e promuove la creatività e l’ingegno di artigiani ed artisti locali. Vi sono esposti oggetti legati alle tradizionali lavorazioni della montagna, ma anche pezzi frutto di nuove tecniche e opere d’artisti: oggetti e sculture in legno, pelletterie, ceramiche, gioielli, abbigliamento in lana cotta, biancheria per la casa tessuta con decori tradizionali, antichi mobili sapientemente restaurati e pezzi di liuteria insomma. Espositori di gran qualità, per una raffinata mostra che di anno in anno seleziona e racconta le novità e l’evoluzione dell’artigianato artistico in Carnia. Una rassegna da non perdere per scoprire il piacevole connubio tra modernità e tradizione, che la creatività carnica sa regalare.

Quest’anno verrà presentato il progetto “La Carnia del Cibo tra tradizione e cultura”, dell’I.S.I.S. “Fermo Solari” di Tolmezzo, un percorso approfondito di ricerca, recupero e riproposta delle tradizioni alimentari del territorio reso possibile grazie alle idee degli allievi e al prezioso apporto delle loro famiglie. Al progetto sarà associata l’esposizione di un gran numero di prodotti agroalimentari locali gentilmente forniti dalle aziende e dagli operatori del settore.

Per commemorare la Grande Guerra, una sala del Centro Culturale ospita una Mostra storica temporanea in cui sono esposti cimeli, documenti e reperti risalenti al primo conflitto mondiale, in particolare relativi al settore “Zona Carnia”. Il tema principale è l’opera del Genio Militare in Carnia; strumentazioni, attrezzi e la ricostruzione di una parte di teleferica a grandezza naturale saranno d’ausilio all’esposizione. In numerose teche sono esposti gli accessori e gli equipaggiamenti utilizzati dai soldati in guerra. La mostra è organizzata dal Sotto Settore Val Tagliamento dell’Associazione Storico Culturale “Amici della Fortezza di Osoppo” (www.amicidellafortezzaosoppo.it).

Palazzo del Centro Culturale di Socchieve

Via Nazionale, 37 – Socchieve (UD)

www.rassegnacarnica.it

Orario: 10-12/15-19

Ingresso libero

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente I GIUDA al Monk Club di Roma
Successiva Miss Ondina Sport, nella tappa di Castellammare di Stabia vince la 15enne Anna Santarpia

Articoli Suggeriti

L’AGRICOLTURA DEL FUTURO NEL DOPO EXPO

DIVA GIOIELLI VINCE IL CONCORSO PREMIERE 2017 ALLA FIERA INTERNAZIONALE OROAREZZO

L’Associazione Culturale Astrea Sentimenti di Giustizia inaugura inaugura la seconda edizione della rassegna cinematografica

“Cultura Napoli” in arrivo il Festival Artistico Letterario

Naviganti in versi presenta AETERNOS

MONDO DONNA Lavoro, Donna, Vita: quale equilibrio