ALFONSO DE NICOLA ELOGIA E SDOGANA DEFINITIVAMENTE LA PIZZA


Ospite della prestigiosa Pizzeria Trianon da Ciro dopo le fatiche della conquista del secondo posto in campionato, seduto davanti alla famosa “ruota di carretto”, il dott. De Nicola si è complimentato con i titolari dello storico locale, Giuseppe Furfaro ed Angelo Greco, elogiandone proprio l’utilizzo delle materie prime d’eccellenza, tutti  prodotti rigorosamente di origine italiana,  in particolar modo i salumi. I formaggi sono DOP, il fior di latte è della penisola sorrentina, la mozzarella di bufala campana è DOP, il pomodoro pelato e il pomodoro del piennolo DOP sono seguiti per tutto il periodo di crescita, dalla piantumazione alla raccolta, ed è preparato secondo determinati criteri adottati esclusivamente per le  esigenze della storica pizzeria. 

“Infatti, – ha confermato De Nicola – dipende tutto dagli ingredienti, che devono essere di prima scelta. E a proposito del pomodoro, quest’ultimo è importantissimo. Il pachino per esempio è ricco di antiossidanti. E poi farina, olio a crudo, mozzarella o fiordilatte. Ma può anche diventare più proteica se la si prepara, per esempio, con salsiccia e friarielli. Anche con le verdure è un ottimo pasto completo.Per cui non vedo quale possa essere l’elemento “dannoso” della pizza. “.

Anche le quantità non preoccupano eccessivamente il Dott. De Nicola:  “La consiglierei a mezzogiorno, così la si smaltisce durante tutto il pomeriggio. Le quantità vanno moderate sicuramente  in caso di diabete, ma per il resto è un alimento salutare.”

Per la gioia degli sportivi, sempre attenti al controllo della massa magra e della massa grassa, questo il responso di De Nicola: “Anche per gli atleti la pizza va benissimo perché il valore nutrizionale di una pizza è uguale a quello di un bel piatto di pasta, soprattutto se consideriamo la marinara. Può essere mangiata sia prima dell’esercizio fisico, quando bisogna assumere carboidrati complessi facilmente digeribili, che dopo, quando bisogna riprendersi dalla fatica. Anche noi spesso dopo la partita facciamo arrivare negli spogliatoi le pizze invece della pasta. E ovunque andiamo, per il dopo-partita il piatto che ci chiedono di più è sempre la pizza, che gratifica stomaco e umore, e non delude mai”.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Team Lucignolo vince Trofeo Tuttopizza
Successiva All'Università Federico II un Seminario sul tema “La Gestione delle aziende sequestrate e confiscate”

Articoli Suggeriti

Lions: Venerdì la nona Giornata della Carta della Cittadinanza Umanitaria Europea

Barbara Karwowska incanterà Napoli al Castel dell’Ovo a gennaio

Mariglianella: Nella V edizione di “R…Estate con Noi” l’Omaggio a Pino Daniele

Gemelli e cravatte portafortuna nel film di Natale con Christian de Sica

Museo del Tesoro di San Gennaro: Ferragosto con l’arte

All’Ippodromo apre “Jostra”, il luna park che non c’era