L’Unione Fa la Pizza sul lungomare di Napoli


Pizzaioli di tutto il mondo insieme a “L’Unione Fa La Pizza” per impastare e cuocere la pizza più lunga del mondo impiegando 6 ore e 11 minuti! L’evento si è svolto ieri mercoledì 18 maggio sul lungomare Caracciolo, a Napoli.

Il giudice del Guinness World Record ha decretato il raggiungimento dell’obiettivo misurando una pizza napoletana lunga ben 1853,88 cm!
Alla manifestazione, ideata e promossa da Pizza Village, con il Patrocinio del Comune di Napoli e della Fondazione Univerde ed in collaborazione con l’Associazione Pizzaiuoli Napoletani, hanno aderito 250 pizzaiuoli italiani e stranieri che con la loro professionalità hanno saputo interpretare la cultura e l’arte dei pizzaiuoli napoletani. Tra questi anche alcuni allievi di sei istituti alberghieri campani (Vico Equense, Ottaviano, Ercolano, Pozzuoli, Bagnoli e il Cavalcanti di Napoli), ovvero tutti quelli che il 15 luglio prossimo partiranno per Londra, ove faranno uno stage di una settimana completamente sostenuto da Rossopomodoro. Questo è il passo inaugurale della nuova qualifica di “Pizzaiolo napoletano” che è stata introdotta nei suddetti istituti.
L’Unione fa la pizza si pone il nobile intento di celebrare la fratellanza e l’unione tra i popoli attraverso il prodotto gastronomico italiano più famoso ed esportato al mondo. Grazie alle mani sapienti dei Maestri pizzaiuoli partecipanti, il lungomare Caracciolo è stato invaso da una pizza napoletana lunga 1853,88 cm e larga 50 cm, preparata rigorosamente nel rispetto delle linee guida del disciplinare STG e usando solo ingredienti campani DOC: 2000 kg di farina (l’unica al mondo certificata STG), 1600 kg di pomodoro, 2000 kg di fiordilatte, 200 litri di olio e 30 kg di basilico.
Al termine della performance, la pizza è stata offerta ai presenti e grazie al coordinamento dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, è stata donata all’Associazione Camper Onlus, che da più di 15 anni si occupa di offrire servizi per l’integrazione a persone senza fissa dimora, a Croce Rossa Italiana e all’Associazione Chicchi di Grano. In serata le associazioni, con il coordinamento del Centro Salvatore Buglione, si sono occupate di distribuire 1 chilometro della pizza del record offrendo così un pasto caldo a chi ne ha bisogno.
Inoltre, grazie all’intervento del Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, di Coldiretti e dell’Associazione del Piazzaiuoli Napoletani è stata ufficialmente rilanciata la campagna #pizzaunesco, a sostegno della candidatura dell’Arte dei Pizzaiuoli Napoletani come Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Valorizzazione dell’arte dei pizzaiuoli napoletani, sostegno della filiera agroalimentare campana, della cultura e delle tradizioni partenopee, questi gli obiettivi di una intensa attività di sensibilizzazione internazionale che condurrà all’annuncio del raggiungimento di un milione e mezzo di firme in occasione della prossima edizione del Napoli Pizza Village di settembre 2016.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + tre =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Villa Favorita presenta BASTIANO & BASTIANA di W.A. Mozart
Successiva Le nuove opportunità per visitare il Museo di Pietrarsa

Articoli Suggeriti

Brusciano Il Comitato Cinque Stelle Micciariello in Questua per prendere parte alla 139esima Festa dei Gigli

LA DUCHESSA VISCO E IL GOTHA ITALIANO

Galleria dell’Accademia: firmato accordo per la manutenzione del David e dei Prigioni di Michelangelo

Miss Vesuvio 2012: l’attore Patrizio Rispo incorona Federica Guadagno

Il capo della Polizia Pansa al capezzale del poliziotto ferito

Piano di Sorrento, in arrivo la I edizione di DIMMI DI SÌ…il matrimonio che vorrei