Al Duomo di Pozzuoli lo Stabat Mater di Pergolesi


L’evento, voluto dall’amministrazione comunale della città flegrea, grazie anche all’interessamento dell’Assessore Alfonso Artiaco, nasce dalla collaborazione tra la Fondazione Teatro di San Carlo, il Comune e la Diocesi di Pozzuoli. L’esecuzione dell’opera, in una rara trascrizione che ne fece Giovanni Paisiello per la Cattedrale di Napoli il 16 settembre 1810, avrà luogo il 25 marzo 2016, ore 20.00, presso la Cattedrale del Rione Terra di Pozzuoli.

La volontà, manifestata dalle istituzioni coinvolte, è quella di costruire, anche a seguito della sottoscrizione alla Carta dei Comuni (progetto istituito dal Teatro di San Carlo), solide basi per pianificare progetti non sporadici ma continui, e il concerto del 25 marzo 2016 nello splendido Duomo di Pozzuoli, è solo il primo di una lunga serie di appuntamenti.

In occasione delle celebrazioni per i 200 anni dalla morte di Giovanni Paisiello (1740 – 1816) e a ricordare i 180 dalla scomparsa di Giovanni Battista Pergolesi (Jesi 4 gennaio 1710 – Pozzuoli 16 marzo 1736), il Teatro di San Carlo ha deciso di proporre lo Stabat Mater di Pergolesi in una versione che Giovanni Paisiello curò nel 1810, per soli e orchestra; soprano Maria Grazia Schiavo, mezzosoprano, Eufemia Tufano, tenore, Francesco Marsiglia, basso Antonio Di Matteo; dirige l’Orchestra del Teatro di San Carlo Maurizio Agostini.

La verve del Settecento napoletano si riscopre in un genere sacro: il capolavoro di Pergolesi, apprezzato e parafrasato anche da Johann Sebastian Bach, rivive attraverso i nuovi accenti, nella trascrizione di un Paisiello più maturo, e all’epoca attento e dedito alle composizioni di carattere religioso.

Ingresso gratuito, con prenotazione obbligatoria a euro 2.

Info www.teatrosancarlo.it

Il Concerto non solo rinnova una collaborazione ben più ampia tra i Campi Flegrei e il San Carlo, al fine di valorizzare sempre di più il patrimonio storico/artistico campano, in due località attigue, ma innesta questa sintonia, già esistente a livello culturale, all’interno della Carta del Comuni, sottoscritta dal Comune di Pozzuoli.

Ulteriori informazioni verranno fornite in sede di conferenza stampa,

Sabato 19 marzo, ore 12.00 Pozzuoli.

Carta dei Comuni

Il progetto Carta dei Comuni, istituito dalla Fondazione Teatro di San Carlo, intende implementare e promuovere i rapporti con i Comuni della Regione Campania.  Il nuovo assetto dislocativo socio-urbanistico, risultante dalle politiche di decentramento che si sono susseguite nel corso dell’ultimo ventennio, impone infatti un ripensamento integrale delle politiche di incentivo alla fruizione lirica e sinfonica, tale da consentire un accesso agevolato a più fasce di pubblico, purtroppo, sovente, non sufficientemente tutelate dalle istituzioni culturali del nostro paese.

La Carta dei Comuni nasce dunque, innanzitutto, quale strumento operativo a disposizione di quelle Municipalità che intendano procedere in tale direzione, offrendo al cittadino una nuova tipologia di servizio trasversale, in quanto attinente alle molteplici sfere della formazione del gusto, della politica sociale, della gestione del tempo libero. L’adesione alla Carta dei Comuni costituisce, al tempo stesso, un ottimo vettore per l’incremento della visibilità dei centri sostenitori e delle relative Amministrazioni, nonché una diretta quanto incontestabile conferma della loro vocazione culturale.

 

Stabat Mater

di Pergolesi in una rara trascrizione

che ne fece Giovanni Paisiello (1740-1816)

 venerdì 25 marzo 2016, ore 20.00

Per soli e orchestra

soprano, Maria Grazia Schiavo

mezzosoprano, Eufemia Tufano

tenore, Francesco Marsiglia

basso, Antonio Di Matteo

Orchestra del Teatro di San Carlo

Direttore Maurizio Agostini

Duomo di Pozzuoli

Venerdì Santo

25 marzo 2016, ore 20.00

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 − otto =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Ristorante, il pupillo di Vissani sbarca sull’isola più bella del mondo
Successiva LUVO BARATTOLI ARZANO IN CASA DEL FANALINO DI CODA OSTIA

Articoli Suggeriti

Sindrome di Cushing, oggi si celebra la giornata mondiale

UniStem Day: l’11marzo si parla di staminali a 27.000 studenti europei

SUNRISE FASHION SHOW ELES COUTURE: OSPITE TOSCA D’AQUINO

Scavi di Pompei, chiusa via Mercurio

Teatro Tin: in scena “Un biplano a sei corde”

Italian Movie Award, premiato a Pompei il regista Paolo Veronese