L’Associazione Nova Koinè ricorda Anatoly Korov


Soltanto una settimana fa una tragedia ha colpito la nostra comunità togliendo alla famiglia il cittadino, padre e lavoratore Anatoly Korov, che con coraggio ha affrontato i criminali intenti a compiere una rapina.

Anatoly Korov incarna il BUON ESEMPIO e l’alto SENSO CIVILE che tutela il BENE COMUNE, di cui tutti facciamo parte

Assistiamo passivamente all’aumento di fenomeni incivili e spesso criminali che vanno dall’assenza di rispetto per l’ambiente e per il prossimo, alla chiusura mentale a favore di bisogni personali assolutamente distanti dall’idea di COLLETTIVITA’ senza renderci conto che l’immigrato non è il destabilizzatore della società ma può essere portatore di valori civili che anzi la arricchiscono e la elevano più e meglio di tanti altri “indigeni”

Condividere e salvaguardare la pacifica convivenza è qualcosa di più alto delle differenze di razza

In questo scenario in cui siamo tutti vittime di un vecchio sistema clientelare basato sui favoritismi a scapito del merito, dove il senso civico è scomparso dal vocabolario di molti e dove il comune cittadino è costretto a guadagnarsi la pagnotta chiudendo gli occhi davanti a questa barbarie infatti, un gesto di altissimo valore civile ci è stato mostrato proprio da chi come molti stranieri, oltre a tutto questo doveva sopportare anche la discriminazione costante dovuta alla sua provenienza

 ANATOLY KOROV, UN EROE CITTADINO

 UN EROE DEL POPOLO

UNA PERSONA COMUNE, PRONTA AD ALZARSI TUTTE LE MATTINE PER GUADAGNARSI IL PANE BADANDO A SE ED ALLA SUA FAMIGLIA, UN UOMO CHE NON HA ESITATO AD AFFRONTARE IL MARCIO IN CUI CI RITROVIAMO PERCHE’ CREDEVA NEL MIGLIORAMENTO DI QUESTA SOCIETA’ DI CUI FACEVA PARTE – MOLTO PIU’ DEI PARASSITI CHE COMMETTONO QUESTI ATTI CRIMINALI E MOLTO PIU’ DI CHI ASSISTE IMPASSIBILE A QUESTO SCEMPIO E DI CHI NE E’ COMPLICE

ANATOLY E’ LA DIMOSTRAZIONE CHE LA SOCIETA’ MULTIETNICA NON E’ IL MALE, CHE SI PUO’ VIVERE CONDIVIDENDO I VALORI DELLA COLLETTIVITA’ SOLIDALE, CHE LA PAURA DEL DIVERSO NON E’ UNA RISPOSTA ACCETTABILE, CHE LA SUA STRUMENTALIZZAZIONE E’ UN CRIMINE.

 ANATOLY ERA UNO DI NOI – SENZA ALCUN DUBBIO!

Anatoly, 38 anni, Ucraino, ha agito pensando al futuro della propria famiglia e del Paese in cui ha scelto di vivere e dovrà essere DI BUON ESEMPIO

ANATOLY, UCRAINO, HA AGITO IN UN PAESE CHE ANCORA DISCUTE SUL DIRITTO DI CITTADINANZA E CHE IMPEDISCE A CHI NON E’ NATO IN ITALIA DI GODERE DEI PIENI DIRITTI

ANATOLY, UCRAINO, IMMIGRATO, HA DIMOSTRATO CHE NON E’ NECESSARIO ESSERE NATIVI DI UN LUOGO PER POTERLO MIGLIORARE!

AD ANATOLY KOROV, ALLA SUA FAMIGLIA ED A TUTTA LA COMUNITA’ DI PERSONE PERBENE COME LORO VA IL NOSTRO AFFETTO UNENDOCI AL LUTTO PER LA SCOMPARSA DI QUESTO UOMO BUONO E CORAGGIOSO.

ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE NOVA KOINE’ – MARIGLIANO

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Il Boss delle cerimonie incontra il Boss delle torte
Successiva Piano di Sorrento, in arrivo la I edizione di DIMMI DI SÌ…il matrimonio che vorrei

Articoli Suggeriti

Al Nostos Teatro parte Sciapò, rassegna di teatro a cappello

Screening neonatale allargato: è legge. Il Senato ha approvato il ddl Taverna, ora l’inserimento nei LEA

Carne Cavallo: Coldiretti/SWG, +37% italiani verificano provenienza

Via la violenza a suon di foto: mostra anti barbarie a San Pietro a Patierno

Prorogata al 1 luglio la Mostra “L’esercito di terracotta e il Primo Imperatore della Cina”

Al via “Arte Fiera”. A Bologna dal 25 al 28 gennaio