Lo chef stellato Ernesto Iaccarino a Radio club 91 lancia l’allarme sul calo dei consumi


Lo chef stellato Ernesto Iaccarino lancia l’allarme sul calo dei consumi “anche tra i ricchi” e consacra i reality sul cibo:  “Masterchef e altri programmi creano curiosità tra i giovani e favoriscono la ripresa”. Poi rivela: “Vegani in aumento? Sfornerò il cannellone di peperone ripieno di gelato al rafano”. E difende a spada tratta Napoli e la pizza: “Perché dobbiamo farci spodestare dalle grosse multinazionali che non fanno la pizza ma qualcosa di lontanamente simile?”

La denuncia di Ernesto Iaccarino, erede della dinastia culinaria di Don Alfonso 1890, ai microfoni di Sapori di Sera condotto da Roberto Esse su Radio Club 91: “I Paperoni sono finiti. Anche i ricchi hanno il tetto di spesa. Al ristorante ormai va solo la borghesia europea, poco quella italiana. Ma sono aumentati i giovani anche grazie a Masterchef e ad altri programmi televisivi. Ben vengano, dunque, perché creano cultura e curiosità”. Rileva inoltre “l’aumento della percentuale di vegani”. Proprio per loro, racconta, “sto iniziando a lavorare con le verdure, a giocare con i piatti vegetariani. L’ultima creazione  è il cannellone di peperone ripieno con melanzane a funghetto, gelato di rafano, citronette alla senape, croccante di barbabietola, cipolle caramellate e spolverata di rafano” . Lo chef ha presentato di recente con Ciro Oliva anche la pizza “stellata” che coniuga tradizione, street food e alta cucina: “Cresciamo con la pizza, fa parte del dna e della cultura della nostra terra. Proprio la pizza ha segnato tutta la mia vita dalle prime esperienze affettive alle amicizie”. E qui rivendica il ruolo di Napoli come “l’unica e sola città erede degli artigiani della pizza dall’esperienza millenaria”. “Perché dobbiamo farci spodestare – si è chiesto – dalle grosse multinazionali che non fanno pizza ma qualcosa di lontanamente simile?” Ecco, allora, “le idee della pizza gourmet, del dialogo con i maestri pizzaioli napoletani e dei punti vendita da aprire all’estero con la collaborazione di grandi maestri: un percorso virtuoso di crescita che, se fatto con serietà, contribuirà ad aumentare il prodotto interno lordo della Campania”. 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 2 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Napoli Pizza Village: il programma di domani
Successiva SEVERINO NAPPI: PETIZIONE IN FAVORE DELLA FAMIGLIA DI ANATOLY KOROV

Articoli Suggeriti

Lo chef stellato Ernesto Iaccarino a Radio club 91 lancia l’allarme sul calo dei consumi

DeArte incontra Mirna Doris, Francesco Albanese e Angela Luce

Immigrazione, il Coisp replica alle dichiarazioni dei Ministri di Francia e Germania

Al via: Dal Punch ai Frozen al Readytomix

Le pizze fritte di Ciro Salvo in degustazione a La Gloriette per Wine&Thecity

Parte l’APP MY POMPEII per una visita in tutta sicurezza