Gallipoli, muore dopo la discoteca


“Ancora un morto che si doveva evitare, ancora una giovane vita spezzata a causa di tanti fattori fra i quali, è innegabile allo stato dei fatti allargando la visione alla realtà che ci circonda, un approccio allegro e completamente fuori misura con alcol, droghe, ed altri atteggiamenti dissoluti che fanno ‘tanto figo’ non solo e non tanto fra i giovani, ma, purtroppo, anche fra i genitori che, per sentirsi e mostrarsi ‘amici dei figli’, invece che mantenere la sacrosanta fermezza nell’educarli preferiscono mostrarsi accondiscendenti, ‘complici’, strizzando magari l’occhietto a comportamenti trasgressivi che non hanno niente a che fare con le bravate della giovane età, ma normalmente significano aprire la strada all’ammissione della violazione delle regole a piacimento.

La verità, anche se nessuno osa dirlo, è che si ha sempre più paura di educare, non si sa trovare altro modo per mantenere autorevolezza e per stringere forti legami con i figli, e allora meglio assecondarli, mostrandogli, nei fatti, che regole e, perché no anche leggi, non contano poi tanto, esattamente come quei cretini che le fanno rispettare. Al di là di ogni falso e ipocrita commento politically correct, noi che in strada lavoriamo un giorno dopo l’altro, una notte dopo l’altra, conosciamo molto ma molto bene comportamenti ed atteggiamenti soprattutto dei più giovani che, in certe circostanze, mostrano un volto quasi abominevole, un atteggiamento che supera ogni concetto di spavalderia e di spregiudicatezza, e che sfocia in un misto di perdita di controllo e di repulsione per tutto ciò che possa apparire loro come un freno alla loro mancanza di inibizioni. Lo vediamo bene osservando
le reazioni che si hanno di fronte alle divise, reazioni violente, incontenibili, che non di rado sono sfociate in tragedie incommensurabili, basti pensare a vicende come quelle dei giovani
Aldrovandi, di Uva, o del Carabiniere Santarelli, e tante tante altre, atroci, drammatiche, che mai e poi mai avrebbero dovuto verificarsi. Tanti hanno paura a dire come la pensano, anche perché di questi tempi per farlo si perde il posto di lavoro, e ci si ritrova la maggior parte della politica e dei commentatori di social network e salotti televisivi contro, ma noi troviamo più deleterio ed inconcepibile non farlo: le famiglie che perdono il controllo e la conoscenza dei figli; quelle che nella debolezza di non saper fronteggiare le loro difficoltà non chiedono aiuto a chi di competenza; quelle che tentennano nel segnare un confine netto fra ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, fra regole e violazioni antisociali; quelle che non trasmettono il rispetto dovuto agli altri, alle Istituzioni che rappresentano i cittadini, alle divise che, al di là dei cretini che le vestono, significano comunque sacrificio in nome degli altri, sono innegabilmente responsabili, gravemente responsabili, per tanti eventi drammatici e criminali che si verificano”.
E’ il duro commento di Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, seguito alla drammatica notizia della morte di un altro giovane appena uscito dalla discoteca, questa volta a Gallipoli. Lorenzo Toma si è accasciato davanti all’entrata del locale ed ha perso conoscenza. Inutili i soccorsi. Il 19enne, originario di Lecce, è morto dopo essere uscito
dalla discoteca di Santa Cesarea Terme, uno dei locali più famosi sulla costa adriatica del Salento.
La stessa discoteca che il 12 agosto ha organizzato una “Cocoricò night”, serata a sostegno del locale emiliano che, dopo la morte per overdose di ecstasy del giovanissimo avventore Lamberto Lucaccioni, è stato chiuso per quattro mesi dal prefetto di Rimini. Dopo la tragedia il Sindaco di Gallipoli, Francesco Errico, ha scritto sul suo profilo Twitter: “Se le famiglie esercitassero un po’ più di controllo sui figli non morirebbe un 18enne la settimana in disco. Se non sai educare, non procreare”. Ma il Primo cittadino si è scusato poche ore dopo.
Allo stesso modo ha mostrato di pensarla anche Antonio Marziale, presidente dell’Osservatorio sui diritti dei minori: “Se le famiglie fossero più responsabili non ci sarebbe alcun bisogno di leggi e gruppi di pressione per garantire ai minori la tutela dei loro diritti. Più che primarie agenzie di socializzazione sono divenute uffici deleganti”, ha dichiarato in una nota il sociologo.
“E’ clamoroso – aggiunge Maccari – vedere che chi ha il coraggio di dire la verità poi si rimangi le proprie parole per paura delle conseguenze, per paura di non essere accettato da una società che deve ammettere tutto e giustificare tutto a tutti i costi. La cosa ci fa subito tornare in mente l’incredibile vicenda che ha coinvolto l’allora Prefetto di Perugia, Antonio Reppucci, che si era espresso con parole pesantemente critiche nei confronti delle famiglie che ‘non si accorgono che i loro figli hanno problemi con la droga’, e l’indomani è stato nientemeno che rimosso dal suo incarico… E’ sconcertante, ma è la triste verità: tutto pur di non difendere le regole e chi le rappresenta. E’ una verità che conosciamo molto bene, ne facciamo le spese ad ogni piè sospinto, con colleghi crocifissi ed abbandonati a conseguenze terribili a causa di un lavoro che va decisamente contro ciò che certe famiglie sembrano approvare: fai quel che ti pare e non farti dire come ti devi comportare da sconosciuti con la divisa”.

Coisp

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + quindici =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Weekend di Ferragosto: le proposte dei musei fiorentini
Successiva A Napoli un master sullo studio del mandolino classico napoletano

Articoli Suggeriti

Fibrosi cistica, via libera dell’UE per Orkambi

TRUECOLORS LITTLE FESTIVAL: IN CONCERTO JAMES SENESE CON NAPOLI CENTRALE, THE RIVATI E MEXICO86

Regine, Wedding & altre storie: sfilano a Napoli le donne coraggiose della storia

Firenze, PREMIATA L’APP DEL MUSEO NOVECENTO

All’Imbriani di Pomigliano d’Arco il primo Liceo Classico a indirizzo Teatrale

Mimì De Maio in concerto a New York per il festival “The World Bridge”