IL MADE IN ITALY AGROALIMENTARE PROTAGONISTA DEGLI STATI GENERALI DELLA RISTORAZIONE ITALIANA NEL MONDO A BERGAMO, MILANO EXPO E IN TOSCANA


Gli Stati Generali della ristorazione italiana nel mondo si terranno dal 28 giugno all’1 luglio prossimi, in occasione della quinta edizione dell’Italian Cuisine in the World Forum.

L’evento si terrà a Bergamo, Expo Milano e Firenze e avrà come protagonisti più di 150 cuochi, ristoratori e distributori di prodotti dell’enogastronomia italiana, provenienti da oltre 70 paesi. A loro si uniranno anche giornalisti stranieri e una nutrita rappresentanza di grandi cuochi italiani, a cominciare dai fratelli Cerea (Da Vittorio, Bergamo) e Claudio Sadler (Sadler, Milano).

I PROMOTORI

Il Forum è un’iniziativa promossa da itchefs-GVCI (www.itchefs-gvci.com), un network che conta oggi oltre 2500 professionisti della ristorazione italiana nel mondo. L’appuntamento di quest’anno è promosso in collaborazione con Lorenzo de’ Medici – The Italian International Institute (http://www.ldminstitute.com/), la cui didattica, da oltre 40 anni, è incentrata su un vincente connubio tra Lingua, Arte, Cultura, Design e Cucina, anche grazie alla sua Scuola Cucina Lorenzo de’ Medici nel Mercato Centrale di Firenze (http://www.cucinaldm.com/).

I PROTAGONISTI

I delegati del Forum rappresentano un settore che conta circa 100.000 ristoranti italiani nel mondo, autentici ambasciatori della cucina italiana, che servono ogni giorno milioni di clienti attratti dalla proposta enogastronomica italiana autentica e di qualità.

I TEMI

Il Forum è un’occasione unica per dibattere i temi legati alla ristorazione italiana all’estero, le problematiche attuali e le sfide che incontra la produzione agroalimentare di eccellenza italiana sui mercati esteri, i successi e il futuro della cucina italiana nel mondo.

LE ATTIVITA’

UN GRANDE HAPPENING A EXPO 2015

Il programma dell’iniziativa è ricco di eventi di eccezionale importanza, a cominciare dal Meeting Generale a Milano Expo 2015 (Spazio Slow Food), che si terrà in data 29 giugno e sarà un omaggio all’universalità della cucina italiana nel mondo.

PARTENZA DEL TOUR GASTRONOMICO D’ITALIA IN CAMPER

Da Expo 2015 partiranno 3 camper per una spedizione gastronomica senza precedenti: Road to Dubai – The Italian Tasty way. Guidati dallo Chef Francesco Guarracino (Bice Mare), cuochi, giornalisti e clienti di ristoranti della grande metropoli emiratina batteranno l’Italia alla ricerca dei migliori ingredienti e cuochi per l’Italian Cuisine World Summit 2015.

LA CUCINA ITALIANA PATRIMONIO UNESCO?

Nell’Assemblea Plenaria del Forum (1 luglio), che si terrà nell’auditorium del Mercato Centrale di San Lorenzo di Firenze, verranno trattati temi legati alla ristorazione italiana di qualità nel mondo, alla formazione delle figure professionali che vi lavorano e alla opportunità di richiedere il riconoscimento Unesco per la Cucina Italiana come patrimonio dell’umanità. Tra i partecipanti al dibattito Nicola Cesare Boldrighi (Presidente Consorzio Grana Padano DOP), Stefano Berni (Vice Presidente AICIG, Associazione Italiana Consorzi indicazioni geografiche), Marco Bolasco (Direttore aerea enogastronomica Giunti Editore), Luigi Cremona (Giornalista enogastronomico), Pietro Laureano (Consulente Unesco e Direttore della Traditional Knowledge World Bank) e Annie Féolde (Executive Chef, Enoteca Pinchiorri Firenze)

FIRENZE TOSCANA CAPITALE DELLA CUCINA ITALIANA NEL MONDO

Nella stessa occasione, vi sarà la presentazione ufficiale del Progetto “Firenze (Toscana) Capitale della Cucina Italiana nel Mondo”. Il progetto, inedito per l’Italia, punta a organizzare nella città e nella Regione, nel corso dei prossimi anni, eventi che celebrino o approfondiscano la conoscenza dei mercati, della storia, dei personaggi e dei trend dell’enogastronomia italiana fuori dall’Italia.

Proprio in questo contesto, durante il Forum ci sarà la presentazione ufficiale della Scuola Cucina Lorenzo de’ Medici nel Mercato Centrale quale sede simbolica dei cuochi di cucina italiana nel mondo. L’Istituto Lorenzo de Medici, da oltre 40 anni è punto di riferimento a livello internazionale per l’insegnamento della cultura italiana in tutte le sue manifestazioni, dalla lingua, alla cucina, ai corsi di arte, umanistici e di design, arrivando ad offrire fino a 500 corsi per 37 aree accademiche, tra le quali moda, gioielleria, restauro, fotografia, international business, archeologia, e da quest’anno anche corsi di scienze. Fin dall’inizio della sua attività, la cucina è stata una materia cardine del piano di studi dell’istituto: da sempre infatti gli studenti si immergono nella cultura del Bel Paese grazie anche ai corsi di cucina, ritenuti dall’Istituto uno dei migliori strumenti a disposizione di chi arriva da un paese straniero per interagire a introdursi nel tessuto sociale fiorentino e italiano.

Sempre nell’assemblea plenaria, verranno conferiti premi a personalità distintesi per la diffusione e l’insegnamento della cucina italiana nel mondo. Tra i premiati Giorgio Pinchiorri e Annie Féolde (Enoteca Pinchiorri), Andreina Mancini (Pastcceria Sieni) e Cesare Casella, cuoco toscano, Dean degli Italian Studies all’International Culinary institute di New York.

I DELEGATI INCONTRANO I PRODUTTORI DELLE ECCELLENZE

Il 30 giugno, la splendida Villa Ferdinanda di Artimino (Artimino – Carmignano –PO) sarà il teatro per l’incontro tra i delegati del Forum e produttori, i quali avranno la possibilità di presentare la loro produzione agroalimentare di eccellenza. Il Forum e il progetto Firenze – Toscana capitale della cucina italiana nel mondo sono patrocinati da importanti istituzioni, quali la Regione Toscana e il Comune di Firenze. Tra gli sponsor del Forum ci sono Grana Padano, IRC (Italian Restaurant Consulting), Pentole Agnelli, Villa Ferdinanda di Artimino, Azienda Olearia del Chianti Classico, Blue Marlin, Cantina di Mogoro, Eataly, Expo Srl, Longino & Cardenal, X-Oven.

MOMENTI PRINCIPALI DEL PROGRAMMA

28 GIUGNO : OFFICIAL FORUM OPENING – presso Museo Pentole Agnelli, Bergamo

29 GIUGNO: OFFICIAL START OF ROAD TO DUBAI CAMPER TOUR

– EXPO MILANO GENERAL MEETING

– STELLE D’ITALIA – ITALY’S STAR CHEFS NETWORK-PRESENTAZIONE DEL

NETWORK – Grand Hotel Villa Torretta, Milano

30 GIUGNO: SPECIAL COOKING MASTER CLASSES PROGRAM – Cucina Lorenzo de’ Medici nel Mercato Centrale di Firenze

– BORSA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI TOSCANI – Villa Ferdinanda di Artimino, Carmignano (PO) Incontro tra produttori e Chefs.

1 LUGLIO

– CONVEGNO/ ASSEMBLEA PLENARIA – Auditorium Mercato Centrale San Lorenzo di Firenze

– SPECIAL MASTER CLASSES PROGRAM Cucina Lorenzo de’ Medici nel Mercato Centrale di Firenze

I PRODUTTORI TOSCANI OSPITANO I DELEGATI DEL FORUM

IL NETWORK ITCHEFS-GVCI E GLI EVENTI PRINCIPALI

Itchefs-GVCI (www.itchefs-gvci.com) è un network di oltre 2500 cuochi, ristoratori e culinary professional che lavorano in più di 70 paesi del mondo nel settore dell’enogastronomia italiana. La mission del network segue queste linee guida:

1. Salvaguardare e promuovere l’enogastronomia e il made in Italy agroalimentare nel mondo

2. Promuovere le figure professionali del settore.

3. Contrastare le conseguenze dell’Italian Sounding

Tutti gli appartenenti al network sono liberamente associati a un Forum online che nel 2015 compie 15 anni di vita essendo stato fondato da Rosario Scarpato (www.rosarioscarpato.com) e lo chef Mario Caramella (oggi Chef patron al ristorante in Italy di Singapore) alla fine del 2000. Oltre 100.000 messaggi sono stati pubblicati sul Forum.

Dal 2005 itchefs-GVCI ha organizzato e organizza grandi eventi in varie città del mondo per:

a) ottemperare alla sua mission

b) per offrire opportunità di sviluppo e di mercato alle aziende agroalimentari (e non) che accompagnano il suo progetto, le sue attività e i suoi associati.

Gli eventi più importanti del calendario annuale di ITchefs-GVCI sono:

IDIC INTERNATIONAL DAY OF ITALIAN CUISINES (Giornata mondiale delle cucine italiane (www.idic.itchefs-gvci.com ).

Nel 2016 si celebrerà la sua nona edizione. Ogni anno, il 17 gennaio, circa 1000 ristoranti italiani del network hanno nel menu un piatto tipico della tradizione italiana, cucinato secondo la ricetta originale. Al di là del significato culturale e patriottico, l’iniziativa ha un chiaro obiettivo di marketing: se la cucina italiana perde la sua identità, perde mercato. Gli eventi centrali della IDIC in passato sono stati tenuti a New York, Mosca. Montreal, Buenos Aires, Sapporo e Hong Kong, e hanno incluso sempre trade show (riservati agli operatori) e seminari di addestramento.

ITALIAN CUISINE AND WINES WORLD SUMMIT (HONG KONG 2009 al 2013 –

Dubai 2013 e 2014) (www.italiancuisinesummit.com) Con il Patrocinio dell’Ambasciata italiana negli EAU e del Consolato Generale italiano a Dubai, e in collaborazione con Dubai Food Speciality Fair, Luxury Marketing Council e la Camera di Commercio italiana negli EAU.

Il Summit è ormai il più importante congresso di enogastronomia italiana al di fuori dell’Italia. É anche una opportunità unica per promuove le imprese del made in Italy agroalimentare e non solo. Non a caso è stato sempre celebrato in concomitanza e collaborazione con importanti fiere del settore (International Wine and Spirits Fair, Hong Kong Wine and Dine Festival, Dubai’s Speciality Food Festival). Il Summit celebrerà quest’anno la sua settima edizione con un road show che toccherà le città di New York, Tokyo e Hong Kong per concludersi con l’evento principale a Dubai.

ITALIAN CUISINE IN THE WORLD FORUM È l’unico evento del network in Italia. È un’occasione unica per dibattere i temi legati alla ristorazione italiana nel mondo e le problematiche e le sfide che incontra la produzione agroalimentare italiana nel mondo. Vi partecipano decine di cuochi, ristoratori e culinar y professional (nonché distributori e giornalisti) provenienti da tutto il mondo. Il Forum è anche una opportunità per un incontro diretto con i produttori italiani che partecipano all’incluso trade show.

Istituiti nel 2010 gli Awards premiano le migliori selezioni di vini italiani nelle carte dei vini dei ristoranti di importanti città: Hong Kong (per l’Asia), New York, Tokyo e Dubai.

In occasione del conferimento degli Awards vengono organizzati Wine Trade Show e seminari riservati a cantine italiane che intendono promuoversi sui vari mercati.

ITALIAN CUISINE WORLDWIDE AWARDS (GRANA PADANO) Premio annuale (alla sua ottava edizione) a personaggi internazionali che si sono distinti nell’ultimo anno o nella loro carriera per la promozione e la salvaguardia della cultura enogastronomica italiana nel mondo)

ITCHEFS-GVCI ha anche promosso iniziative mirate alla promozione di specifici prodotti:

– MONDO LAMBRUSCO (Quattro edizioni, in collaborazione con Enoteca Regionale Emilia Romagna e Consorzio dei marchi storici del Lambrusco). Con il coinvolgimento di 45 ristoranti italiani in cinque continenti

– HIGH QUALITY AND TRACEABLE ITALIAN EXTRA-VIRGIN OLIVE OIL (in collaborazione con Consorzio Nazionale degli Olivicultori – Hong Kong, Delft (Olanda), Stoccarda (Germania), Mosca, New York)

– SQUISITO – Congresso di Cucina italiana in Sudamerica (Buenos Aires, San Paolo,

Santiago del Cile)

Tutti gli eventi del network associano grandi ristoranti e professioni che lavorano all’estero con grandi cuochi, enologi ed esperti enogastronomici dall’Italia. Da una costola del network è nata Italian Restaurant Consulting (e l’annesso Italian restaurant job center) che lavora al servizio di chi intende creare o gestire Ristoranti italiani di qualità nel mondo. (www.italianrestaurantconsulting.com)

Tutti i marchi e gli eventi sono gestiti da Exquisite Communications DMCC (Dubai – Emirati Arabi Uniti) sotto la direzione di Rosario Scarpato. Itchefs-GVCI pubblica un webzine mensile (itchefs&Co) che raggiunge oltre diecimila nominativi di operatori del settore in tutto il mondo.

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente A mezz’ora da EXPO, un viaggio attraverso la zootecnia del futuro
Successiva Anniversario della nascita di Leopardi. Pamela Villoresi in "Giacomo, odorata ginestra"

Articoli Suggeriti

DIVA GIOIELLI VINCE IL CONCORSO PREMIERE 2017 ALLA FIERA INTERNAZIONALE OROAREZZO

Anonymus contro pedofilia

A Torino l’Italian Tattoo Artists

BORRIELLO: MELASMA, ADDIO

IN ARRIVO I CONCERTI DELL’ IMMACOLATA

Cenando sotto un Cielo diverso: doni ai bimbi dell’ospedale Santobono