Napoli, brillante operazione di Polizia Giudiziaria con rischio della vita per un operatore


E’ di pochi giorni fa la notizia che, a seguito di una brillante operazione di Polizia Giudiziaria che ha sgominato un gruppo appartenente ad un noto clan partenopeo, un nostro collega ha rischiato la vita per portare a termine un ordinanza di custodia cautelare. Infatti, per portare a conclusione l’operazione, è caduto da un terrazzo rovinando al suolo sul terrazzo sottostante e riportando diverse ferite ancora in corso di accertamento ospedaliero.

“Ancora una volta – dichiara Giulio Catuogno, Segretario Generale Provinciale del sindacato indipendente di Polizia Co.I.S.P. – un nostro valido collega ha messo a repentaglio la sua vita per portare a compimento l’attività per cui è stato impiegato in servizio ed ancora una volta, solo la sorte non ha portato a conseguenze drammatiche l’evento incidentale occorsogli nell’adempimento del dovere”.

“Il valore e la dedizione – continua Catuogno – che i poliziotti partenopei infondono nella propria opera istituzionale è degna di rispetto e di lodevole considerazione da parte di ognuno perché, dimostrano quotidianamente, di non risparmiarsi di fronte alle avversità, sempre più pericolose ed impreviste, affrontandole prontamente con grande professionalità”.

“Dovrebbe bastare ciò – prosegue con rammarico Catuogno – a far comprendere al Governo centrale che continuare a costipare un comparto come quello delle Forze di Polizia con blocchi contrattuali da ben cinque anni e turn over, con media di personale impiegabile che ha raggiunto la soglia dei 47 anni, non solo lede l’immagine della rappresentazione dello Stato che si dà sul territorio, ma fa calare nei cittadini la percezione di sicurezza, portando anche danno all’economia nazionale”.

“Mi auguro – conclude Catuogno – che almeno il Signor Questore di Napoli sappia ringraziare equamente lo sprezzo del pericolo dimostrato da questo serio rappresentante della Polizia di Stato, riportando quel sorriso che è quasi impossibile vedere sulle labbra di chi si sente schiaffeggiato da una madre/matrigna”.

Coisp

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 + uno =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Ercolano, svaligiati in una sola notte tre appartamenti in via Panoramica
Successiva San Gregorio Armeno: mostra dell’artigianato e della creatività d’eccellenza campana

Articoli Suggeriti

San Giorgio a Cremano, progetto “Nove –Arte e scienza

Al Live di Napoli “Cena spettacolo italiana” tra musica e prelibatezze

A “Mondo Prezioso”, i nuovi gioielli portafortuna firmati Rovian

I CONCERTI IN VIGNA A POZZUOLI

In arrivo nuovo week-end di musica dal vivo al NAM – New Around Midnight

SALONE DELL’ARTE E DEL RESTAURO DI FIRENZE: NUOVA TECNOLOGIA PER PROTEGGERE LE OPERE DAI DANNI DI TERREMOTI E ALLUVIONI