Presentazione del libro “Pietro Parisi. Un cuoco contadino, i volti della sua terra”


Sarà la libreria Marotta&Cafiero all’interno del teatro Bellini di Napoli ad ospitare la presentazione ufficiale del libro “Pietro Parisi. Un cuoco contadino, i volti della sua terra” edito dall’omonima casa editrice. Domani, sabato 31 gennaio alle 18 lo chef contadino, presente all’incontro offrirà ai presenti la possibilità di degustare alcune creazioni della sua cucina, a partire dai suoi famosi “boccaccielli”.

Saranno presenti Lorenzo Diana, presidente del Centro Agro Alimentare di Napoli e l’editore, Rosario Esposito La Rossa. Modererà l’incontro Anna Copertino giornalista di Road Tv.

 Per partecipare all’incontro è necessaria la prenotazione via email all’indirizzo:

 [email protected]t

Il libro di Pietro Parisi, appena edito da Marotta&Cafiero, non è il solito libro di cucina, non è la biografia di uno chef che ha avuto maestri eccellenti e successo. Non è l’ennesima raccolta di ricette, ma è un omaggio al lavoro semplice e antico del contadino, un omaggio alla terra di Palma Campania, culla di origine di Parisi, e ai prodotti buoni che ne derivano.

Pietro, figlio di contadini e cuoco, racconta i volti dei suoi fornitori: piccoli agricoltori e artigiani che gli assicurano ogni giorno le produzioni migliori. C’è Assunta che è la signora dei Friarielli, e c’è Paolo che è l’uomo delle mozzarelle, “mani enormi e sguardo vivace”. Nel racconto affiorano i ricordi dell’infanzia, della nonna Nannina, sua maestra di vita e di cucina, e di riti familiari come la preparazione delle buatte di pomodoro.

In questo modo personalissimo, Pietro racconta il territorio, le tradizioni contadine del suo popolo malgrado l’avanzata di cemento e mode contemporanee. E racconta la ricchezza agro alimentare della Campania, di questo fazzoletto di terra compreso tra il Vesuvio e gli appennini dell’Irpinia, l’agro Nolano e l’agro Nocerino Sarnese.

Dal pomodoro San Marzano all’erba pucchiacchella, il libro restituisce una Campania felix, di sapori e piccole produzioni che rischiano di essere dimenticate, e di tradizioni secolari, tramandate di famiglia in famiglia, come la “buatta” e la cucina degli avanzi.

Ne viene fuori un messaggio profondo che è il rispetto per la propria terra, l’approccio etico e solidale verso chi lavora e produce. <Il mercato di Sarno è la mia Wall Street. Ma io non vado per speculare come un agente di borsa. Non voglio pagare il prezzo più basso, ma quello corretto, ed è questione di tempismo: comprare al momento giusto, ovvero prima possibile, vuol dire aiutare il produttore e la mia cucina>.

Completano il libro una serie di ricette semplici e di antica tradizione.

L’autore: Pietro Parisi

Pietro Parisi, è lo chef-contadino di Palma Campania. Allievo di cuochi del calibro di Ducasse e Marchesi, dopo anni trascorsi nelle più importanti cucine d’Europa e negli Emirati Arabi, torna nel suo paese natale, sotto il Vesuvio, per un’esigenza di tornare alle radici e investire sulla propria terra e su un’economia sana che ancora resiste. A Palma Campania (NA) c’è il suo ristorante Era Ora e recentemente ha inaugurato, in memoria di sua nonna a San Gennaro Vesuviano, la salumeria-osteria Le Cose Buone di Nannina.

INFO

Pietro Parisi. Un cuoco contadino, i volti della sua terra

Marotta&Cafiero Editori

Dicembre 2014. Pagine 112. Prezzo: 20 euro

Contributi di Corrado Formigli e Elsa Di Gati

Foto di Vittorio Guida

 

 

 

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14 − 10 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente AIRC, contro il cancro tornano le arance della salute
Successiva Donato mammografo digitale 3D all'ospedale di Pescia

Articoli Suggeriti

Maggio del Pianoforte, recital di Caterina Barontini

Radio Paolino: avviso pubblico per selezionare trentacinque giovani

McDonald’s, voglia di Final Four

San Giorgio a Cremano, quasi al termine i lavori in corso Umberto I

L’ARTE DI EINAT DAN TORNA ALL’ALESSANDRA AMABILE ACADEMY

Al via l’VIII edizione del Galà del cinema e della fiction