LA RIFORMA DELLA FORMAZIONE MUOVE I PRIMI PASSI NELLA JOBS ACT


Parte delle richieste provenienti dal mondo della formazione saranno inserite nella nuova legge sul lavoro “Jobs Act”. Lo hanno riferito alcuni esperti della formazione che parteciperanno al tavolo tecnico con il Governo il prossimo 9 ottobre per modificare le norme sull’apprendistato. Le novità arrivano dalla fiera della formazione ExpoTraining, che si è conclusa oggi in Fiera Milano.

“Stiamo lavorando per sburocratizzare l’apprendistato – ha spiegato la consulente Laura Mazza nel convegno di Studio Saperessere tenutosi oggi in fiera – e per risolvere i problemi di incontro tra domanda ed offerta tra aziende e disoccupati”. Le direttrici sono tre: introdurre consulenti specifici sulla formazione che le aziende ed i consulenti del lavoro possano attivare per superare i troppi vincoli esistenti per l’apprendistato; attivare enti accreditati dalle Regioni per i servizi al lavoro; aumentare incentivi e premialità, sia regionali che nazionali, per le aziende che fanno apprendistato e formazione. Inoltre sarà obbligatorio presentare il piano formativo contestualmente all’assunzione.

Le tre giornate di ExpoTraining, inaugurate dal nuovo leader della Cisl Annamaria Furlan, hanno fatto registrare un grande successo: si sono tenuti 187 incontri (tra convegni e workshop), i 110 stand degli espositori che hanno presentato corsi e tecniche di formazione sono stati visitati da 6.500 visitatori, per lo più manager aziendali, con una crescita del 14% dei visitatori e dell’11% degli espositori.

“Sono soprattutto soddisfatto dal livello qualitativo del dibattito che ha coinvolto l’intera comunità della formazione – ha dichiarato Carlo Barberis, Ceo di ExpoTraining – come pure dalla presenza di relatori autorevoli e noti anche al grande pubblico. Adesso ci aspettiamo di essere ascoltati da Governo e Parlamento cui abbiamo presentato il Manifesto della Formazione. L’appuntamento è all’Expo2015, alla Piazza del Lavoro Etico ed al convegno sulla formazione che terremo nel giugno 2015”.

Al termine della terza giornata si è tenuto il “Gran Prix della Formazione” che ha premiato quelle imprese, enti pubblici e privati italiani che hanno dato un contributo innovativo nel campo della formazione: il primo premio è andato alla Newcom Consulting di Seregno (Monza e Brianza); il 2° alla Consulman Spa di Torino; il 3° alla Ades di Bolzano.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × 2 =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente AIE PORTA LA REVUE DU VIN DE FRANCE CINA ALLA SCOPERTA DELL’ITALIA DEL VINO
Successiva Lo sguardo brilla di più con la prevenzione. Visite oculistiche gratuite all'Università Parthenope

Articoli Suggeriti

“Letture di legalità”: studenti incontrano Luisa Bossa

Il meglio del benessere napoletano sbarca a Jesolo per donare Dream alle Miss italiane

Quttro passi lungo la Pedamentina di San Martino

Cibo per gli Dei, cibo per gli uomini: i Musei della Calabria all’Expo

Villa medicea di Poggio a Caiano: tre fine settimana di visite guidate

Firenze ospita il Festival dei bambini