Leucemia infantile, grande successo per la gara di golf


La seconda edizione della Gara di Golf 18 buche Stableford 2 categorie hcp organizzata ieri al Golf Club Milano per sostenere la onlus “quelli che… con LUCA”, impegnata nella lotta alla leucemia infantile, si è conclusa con un risultato che ha superato ogni aspettativa. L’evento benefico, aperto a tutti i giocatori non professionisti non necessariamente soci del Golf Club Milano, ha consentito di raccogliere la cifra di ben 7.230 euro grazie alle moltissime isxrizioni e ai ricchi premi messi in palio dalle molte realtà, tutte contraddistinte per avere ‘un cuore grande’, coinvolte dall’agenzia di eventi e comunicazione 2B di Barbara Bosisio, da Laura Tirassa, con il supporto del Golf Club Milano e della Golf School Zappa. Tra queste Atala, Galderma, Green Star, L’Etrusco, ME.PA. Assicurazioni (AXA), Miss Bee, Paperblanks, i ristoranti stellati Pomiroeu e Sadler, The Westin Resort Costa Navarino, Zanotta e molte altre…

Ad animare la speciale lotteria, un ospite d’eccezione, Valerio Staffelli, l’uomo delquelli che...con Luca1 Tapiro d’oro del programma televisivo “Striscia la notizia”, che con la sua verve ha raccontato ai presenti l’impegno dell’associazione quelli che… con LUCA Onlus – nata nel 2011, dopo che il figlio di Luca Ciccioni, nonostante una lunga battaglia fatta di determinazione e sorrisi, viene sconfitto da una grave forma di leucemia mieloide acuta – che, grazie al sostegno di tutti i suoi benefattori, consentirà alla Clinica Pediatrica Fondazione MBBM del San Gerardo di Monza di avere un centro di ricerca avanzato e d’eccellenza, unico in Italia, volto allo sviluppo della Terapia Molecolare per la lotta alla leucemia infantile.

Andrea Ciccioni, padre di Luca, e il dr. Marco Spinelli, che lo ha curato al San Gerardo, sono oggi presidente e vicepresidente dell’Associazione che ha come mission quella di porre attenzione a quei bambini che non raggiungono la guarigione nè con la chemioterapia (terapia di prima linea) nè con il trapianto di midollo osseo (terapia di seconda linea), sostenendo il progetto europeo di TERAPIA MOLECOLARE (progetto CHILDHOPE), diretto dal Dr. Ettore Biagi (Direttore Tecnico del Laboratorio di Terapia Genica e Cellulare “Stefano Verri”) presso la Clinica Pediatrica – Fondazione MBBM dell’Ospedale San Gerardo di Monza. Gli obiettivi da sostenere nel 2014, il finanziamento di una borsa di studio della durata di 3 anni a favore della dr.ssa Sarah Tettamanti, biologa specializzata presso il Centro di ricerca “Matilde Tettamanti“, che si dedicherà esclusivamente al progetto di Terapia Molecolare e la creazione della STANZA DI LUCA, all’interno della quale vi saranno personale e strumentazioni specifiche finanziate interamente dall’Associazione con approvazione e autorizzazione da parte di AIFA per la produzione delle nostre cellule killer (“intelligenti”), volte a distruggere le cellule leucemiche.

Prossimo appuntamento per sostenere “quelli che… con LUCA” è a Uboldo (VA) il 17 settembre, data scelta per onorare il piccolo Luca nel giorno in cui se n’è andato, come l’evento ricorda in Punta di Piedi…

Le informazioni sul progetto scientifico dell’Associazione sono disponibili sul sito: www.quellicheconluca.org

Per ulteriori informazioni: www.2bevents.com / www.golfclubmilano.com

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente CIBO E SALUTE. DALLA SCIENZA ALLA TAVOLA. CONVEGNO SUL LAGO MAGGIORE
Successiva Grande successo ai Gigli di Brusciano. A Barra la festa sorella

Articoli Suggeriti

NATALE A FUORIGROTTA 2018: AL VIA LA VII EDIZIONE

Tre appuntamenti-live da non perdere al NAM – New Around Midnight di Napoli

AL VIA LA GIORNATA NAZIONALE DELL’ARCHEOLOGIA, DEL PATRIMONIO ARTISTICO E DEL RESTAURO

Inaugurato il primo meeting internazionale del progetto “Cultural Tourism for Youth”

Mariglianella: Nel 70° Anniversario dei Battenti la Visita della Madonna dell’Arco

Caruso all’Ateneo Magna Graecia di Catanzaro, il Coisp attacca