La Cultura Manageriale per il rilancio del Paese


Pittella al convegno CIDA: dai dirigenti la spinta per cambiare direzione

 “La crisi ha avuto gravi ripercussioni sul ceto medio, quello che di solito svolge la funzione di spronare la società” così Gianni Pittella, Vice Presidente Vicario del Parlamento Europeo, intervenuto al convegno La cultura manageriale per il rilancio del Paese organizzato dalla CIDA presso la Camera di Commercio di Napoli.

“I dirigenti possono fornire la spinta e il sostegno necessario per far cambiare verso al Sud e all’Europa” afferma Pittella “un uomo solo, per quanto motivato come Renzi, non può farcela. C’è bisogno di coesione. C’è bisogno di utilizzare le peculiarità dei dirigenti per evitare la deriva del Paese” “E- continua il vicepresidente Pittella – la cultura manageriale può favorire il Sud, consentendo di attuare un sistema che eviti le spese volte al consenso e approvi solo quelle volte allo sviluppo”.

“Noi vogliamo avanzare progetti per risollevare il paese dalla crisi. In questa fase, molti lo fanno, ma pochi hanno i titoli e l’esperienza necessari. Tra questi pochi, rientra certamente la dirigenza pubblica e privata, una categoria che quotidianamente si confronta con i problemi del lavoro e delle imprese, con il mercato, con l’economia globale” afferma Silvestre Bertolini, Presidente CIDA.

E rivolgendosi al governo il Presidente della CIDA lancia un appello:“Fate le riforme necessarie per garantire al Paese maggiore stabilità, un sistema istituzionale che consenta di prendere decisioni e approvare politiche pubbliche in modo efficace ed una vera politica industriale in grado di individuare gli asset strategici da cui partire per tornare ad essere competitivi”.

Nel corso della mattinata di lavoro, è stata presentata la ricerca commissionata da CIDA a GFK sulla percezione del manager i Italia. Dai dati risulta che il Sud necessita di maggiore progettualità: i dirigenti che operano qui segnalano maggiori criticità, ma il Sud è anche il territorio che ha maggior bisogno di leadership, per crescere e per valorizzare appieno il potenziale finora non utilizzato.

Info:

CIDA – Manager e Alte Professionalità per l’Italia è la Confederazione sindacale che rappresenta unitariamente a livello istituzionale dirigenti, quadri e alte professionalità del pubblico e del privato.

La nuova CIDA nasce formalmente il 4 luglio 2012 e tiene l’11 luglio 2012 l’Assemblea Costituente che ha eletto il Presidente e gli altri organi. CIDA – Manager e Alte Professionalità per l’Italia vuole promuovere e accrescere il dialogo, la concertazione, la partecipazione e il coinvolgimento quale interlocutore unitario del management e le alte professionalità verso istituzioni e compagini politiche e sociali. Vuole soprattutto portare il contributo dei manager e delle alte professionalità al rilancio del Paese. Le Federazioni aderenti a CIDA sono:

Federmanager, Manageritalia, FP-CIDA, CIMO-ASMD, Sindirettivo, FENDA, FNSA, Federazione 3° Settore CIDA, FIDIA, SAUR

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Consumi: Coldiretti, 1 italiano su 3 teme crimini on line
Successiva I POLIZIOTTI IN PIAZZA RISCHIANO L’ERGASTOLO

Articoli Suggeriti

CRESCE IL COMMERCIO IN FRANCHISING NEL 2015

Caso Aldrovandi, durissima replica del Coisp a Manconi

La partita del cuore in memoria di Rosario Fioretti

ICONOCLASS, ESSENZA DI FEMMINILITÀ…

Dalla robotica alla trattografia: all’Istituto SDN parte il mese della ricerca con quattro incontri dedicati alle nuove scoperte e alle nuove opportunità nel settore biomedico

Al Museo di Storia Naturale Concerto di Primavera dell’Orchestra dell’Università di Firenze