Cucina, Andrea Castaldo è lo chef della Perol Carni ad Eccellenze Campane


Il migliore acquisto del mercato di gennaio l’ha fatto sicuramente la Perol Carni che ha annunciato l’ingresso in rosa dello chef Andrea Castaldo. Una punta di diamante che va arricchire un roster già ricco, che può vantare gli ormai celeberrimi “Dottori della Carne”. Lo staff che sta dettando legge nell’ambito di “Eccellenze Campane” . Dalla sua apertura il polo di via Brin è diventato un vero e proprio luogo di culto per gli amanti di tutto il buono prodotto dalla regione. Un curriculum di tutto rispetto quello del rinomato chef Andrea Castaldo. Un gigante della cucina che ha girato in lungo ed in largo lo stivale, prima di mettere il suo cartellino a disposizione della Perol Carni. Esordi in Val d’Aosta, dove ha deliziato il palato dei clienti di importanti strutture sciistiche fino al mare Adriatico dove si è trattenuto in più strutture del teramano.

Dal mare ai monti ad assorbire profumi e sapori, prima di trasmetterli ai piatti preparati dalle sue esperte mani. Perol Carni ed Andrea Castaldo. Un matrimonio felice che promette indimenticabili giornate alla ricerca di gusti sempre più raffinati e particolari. La sua grande esperienza ha saputo aggiungere sapore a quel trionfo di gusto che è la tagliata di carne campana proposta con il Provolone del Monaco Dop. Una pietanza che va particolarmente a ruba nel menù proposto dai “Dottori della Carne” ad Eccellenze Campane. Questa è solo la prima di una lunga serie di prelibatezze. Per provarle tutte non resta che accomodarsi ai tavoli della braceria ed aspettare che dalla griglia arrivi il meglio della carne dell’alto casertano.

La PeRoL Carni srl opera nel settore delle carni a 360°, dall’allevamento alla macellazione, dalla piccola macelleria alla distribuzione “porta a porta”. La tracciabilità dei prodotti copre non solo la lavorazione delle carni ma anche l’allevamento e la produzione agricola. Infatti, grazie ad un efficiente sistema di controllo interno delle materie prime, dei capi animali e del percorso in macello, è possibile risalire in ogni momento all’origine del prodotto. D’intesa con il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ha realizzato il 1° “Centro sperimentale per la lavorazione e la trasformazione delle carni e il miglioramento genetico”.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Precedente Il commissario regionale Peretti in visita discariche di Saviano e Nola
Successiva Studenti napoletani ospiti all'istituto alberghiero di Formia

Articoli Suggeriti

Malattie rare, Shire supporta il Rare Disease Day 2014

Firenze, inaugurazione della V edizione del Salone dell’Arte e del Restauro

Fattoria Scaldasole per l’Amazzonia

IL NAPOLI GREEN CONTEST APPRODA ALLA FINALE

Napoli – Il Co.I.S.P. incontra il Signor Capo della Polizia

BRUSCIANO: VISITE GRATUITE PER LA PREVENZIONE DEL MELANOMA