Depurarsi dopo le feste con i prodotti del territorio


“Depurarsi dopo le feste natalizie è indispensabile per rimettere in sesto la propria forma fisica, e la salute. Dopo le innumerevoli tentazioni, le ricette succulente, gli eccessi, i pranzi e le cene in compagnia di amici e familiari, è giunto il momento di ritornare a un regime alimentare meno impegnativo e più leggero. Del resto è vero che le feste sono il momento dedicato al relax e al piacere, ma è fondamentale dare uno stop ai chili di troppo per non compromettere la salute.”

Cosi il Rappresentante della Consulta Nazionale dell’Agricoltura, Rosario Lopa. “Depurarsi è la parola d’ordine, assumendo cibi e bevande che favoriscano l’eliminazione delle tossine. L’ideale – ha sottolineato Lopa – sarebbe seguire una dieta consigliata da un nutrizionista, magari un regime alimentare con ricette semplici e di breve durata che permetta al corpo di rigenerarsi velocemente. I vantaggi di una dieta disintossicante sono la breve durata e la garanzia di risultati quasi immediati, quali gambe più magre, ventre piatto e pelle più sana e liscia. Per ottenere questi risultati la prima regola è abbandonare per due o tre settimane cibi e bevande troppo ricchi di calorie e grassi. Al contempo via libera ad acqua (almeno 2 litri), tè verde, tisane depurative, tanta frutta e verdura per una ricarica di vitamine ed energia. L’assunzione quotidiana di fibre attraverso cereali, frutta, legumi e verdura aiuterà il nostro corpo a regolare il ritmo interiore, favorendo l’espulsione e depurando. Eliminate dolci e bevande troppo zuccherate, preferite una cottura leggera con pochi grassi aggiunti o meglio ancora al vapore. Per questo motivo una dieta vegetariana o vegan risulterà più adatta per perdere i chili in eccesso, e recuperare la linea persa durante le feste di Natale. Suddividete i pasti in cinque blocchi principali: colazione, break, pranzo, merenda e cena. Per gli spuntini della giornata preferite frutta fresca, succhi, centrifugati di verdura e frutta come ad esempio i mirtilli e lo yogurt. Per la colazione scegliete tra latte e cereali, pompelmo e biscotti secchi, Tè, frutta fresca e fette biscottate con marmellata senza zucchero. Mentre per il pranzo e la cena piatti semplici e leggeri come spaghetti (integrali, di farro) con il pomodoro, verdure grigliate, seitan e tofu grigliato, riso basmati con broccoli, spinaci bolliti e saltati in padella con olio e aglio. Tanti minestroni di stagione, insalatone di cereali e verdura, verdure al cartoccio, piselli. Moderate l’assunzione dei carboidrati, pane se non integrale, e se non potete farne a meno delle proteine animali, preferendo pesce azzurro e carni magrissime. Non prolungate la dieta se non seguiti e consigliati da un medico, l’obbiettivo e depurarsi non deperire. Ritornare sui binari di un’alimentazione sana, corretta ma non povera e affamante.”

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + diciotto =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente Miniartextil Eros, al Museo di Palazzo Mocenigo a Venezia
Successiva Ciesse Cucine: agevolazioni contro la crisi

Articoli Suggeriti

L’ARTE DI EINAT DAN TORNA ALL’ALESSANDRA AMABILE ACADEMY

Festa per la consegna della Targa di Socio dell’Associazione Verace Pizza Napoletana alla Pizzeria Innarone

Cecilia Piras presenta il libro: L’impronta di un tiranno fragile

CONCLUSO IL RESTAURO DEGLI AFFRESCHI DI BERNARDO ROSSELLI E DOMENICO GHIRLANDAIO

A MATILDE GIOLI IL PREMIO GIFFONI AWARD 2020

Social e bullismo: generazioni connesse, un convegno a Napoli