Bagno di folla a Castellammare di Stabia per Miss Vesuvio 2013


In una villa Comunale gremita di gente, domenica 22 settembre si è conclusa la kermesse “Villaggio Ferrari” organizzata dall’Associazione “Stabia in strada” con la quinta tappa del tour Miss Vesuvio 2013, che ha proclamato vincitrici a pari merito: Anna Marchiò e Vincenza dell’Aquila che accederanno direttamente alla finale di novembre. A sceglierle la doppia giuria: tecnica e popolare.

La serata è stata presentata dal vulcanico Gaetano Gaudiero, le coreografie sono state curate dal ballerino Enzo Padulano. Le bellezze di Miss Vesuvio dopo aver dato prove di spigliatezza e shooting, hanno sfilato con abiti da sposa dell’atelier Boccia 1944 di Casapulla. Tante le realtà locali che hanno premiato con le rispettive fasce alcune ragazze che andranno in semifinale, tra esse Starace Rent, Centro Servizi Virgilio, Le fer, oltre ad Assifinance di Santa Maria la Carità.Alla kermesse era presente anche Kome che alla vincitrice del 2013 e a quelle che conquisteranno la sua fascia, farà fare il calendario 2014. In passerella anche la splendida vincitrice del 2012, Carmen Rimauro truccata dalla Scuola Joy, di Castellammare di Stabia (Na).

“Abbiamo accolto con grande entusiasmo l’invito dell’Associazione “Stabia in Strada” ringraziamo il Presidente Francesco Esposito, e ci auguriamo che questa di Castellammare di Stabia, diventi una tappa fissa per il nostro tour” dicono Anna Maione e Nicola Pinto, organizzatori di Miss Vesuvio 2013.”

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente XXI edizione di: Puliamo il mondo
Successiva San Giorgio a Cremano: Un intenso programma per le Giornate Europee del Patrimonio

Articoli Suggeriti

LA LUVO BARATTOLI ARZANO CADE SUL CAMPO DEL SANTA TERESA DI RIVA

A Natale tutto l’incanto di Aquapetra Resort&Spa

MADE in NAPLES al Teatro Sancarluccio

Le nuove opportunità per visitare il Museo di Pietrarsa

Caruso all’Ateneo Magna Graecia

Poliziotti al di sotto della legge, lasciati in carcere per scontare sei mesi inflitti per colpa