Pallavolo, la Gaia Energy Napoli piega 3-1 Bergamo


La Gaia Energy fa un piccolo passettino verso la A2. La squadra di Romano piega 3-1 Bergamo in gara-1 della serie di semifinale, un risultato e una prestazione che fanno ben sperare in vista del futuro nei playoff. Buona la prova del sestetto napoletano, con Scialò e Canzanella protagonisti assoluti, ben coadiuvati da Cuomo, Flaminio e tutti gli altri.

La Gaia Energy parte con Libraro, Cuomo, Flaminio, Scialò, Falanga e Canzanella, con Coppola libero. Replica la Caloni Agnelli con Sbrolla, Costa, Genna, Burbello, Milesi, Alborghetti ed il libero Franzoni. Un po’ di emozione nei primi scambi (3-6), poi la formazione di Romano prende le misure agli orobici. Le battute di Scialò valgono l’aggancio sul sette pari, quelle di Canzanella il primo allungo (16-11). Bergamo tenta un affannoso recupero ma sbaglia troppe battute, sette solo nella prima frazione. Non è un caso che il set si chiuda proprio su errore al servizio di Burbello (25-21).

Nel secondo sono i partenopei ad accumulare un buon vantaggio (11-7), prima che un improvviso blackout in attacco costringa Romano a chiamare il primo timeout della sua partita. La Gaia Energy si ritrova ad inseguire (13-16), anche perché il muro di Bergamo adesso funziona e mette in difficoltà gli attaccanti di casa. Canzanella, Scialò e Flaminio suonano la carica, la situazione torna in equilibrio per un finale appassionante. Si va ai vantaggi, Napoli annulla tre palle set ma poi capitola sul 26-28.

C’è da rimboccarsi le maniche, la Gaia Energy si cala nuovamente al meglio nella partita ma non riesce a scrollarsi di dosso il sestetto di Zanchi, che recupera ancora da -4 portando il risultato dal 10-6 al 16-18. Ancora un arrivo in volata per le due squadre e coach Romano si gioca la carta D’Avanzo che rileva Falanga. Scialò si veste da trascinatore, Canzanella s’inventa una serie di magìe da funambolo, il set insomma si colora d’azzurro nonostante qualche patema di troppo per chiuderlo sul punteggio di 25-22.

I lampi di Canzanella continuano ad illuminare la scena nel quarto periodo, come e più dei fulmini che impazzano all’esterno del palazzetto. Ma è tutta la Gaia Energy a funzionare a meraviglia, ispirata dalla lucida regìa di Libraro, e i tifosi impazziscono sugli spalti. Il vantaggio lievita seguendo progressioni lineari (8-5, 16-10) e Bergamo questa volta non ha più forze per tentare la rimonta. Anche Montò e Foniciello partecipano alla festa negli ultimi scambi, consentendo a Flaminio di ricevere la meritata standing ovation. Finisce 25-12 con un ace di Cuomo, l’appuntamento è fissato per domenica a Bergamo con gara-2.

GAIA ENERGY NAPOLI

CALONI AGNELLI BERGAMO

(25-21, 26-28, 25-22, 25-12)

GAIA ENERGY NAPOLI: Flaminio 10, Foniciello 1, Falanga 6, Coppola (L), Scialò 20, Cuomo 10, Libraro 3, D’Avanzo 1, Montò 1, Canzanella 19. Non entrati: Picillo, Capasso (L). All. Romano

CALONI AGNELLI BERGAMO: Costa 7, Genna 12, Arasomwan, Burbello 16, Cioffi, Franzoni (L), Artina, Galbusera, Milesi 7, Sbrolla 9, Alborghetti 12. All. Zanchi

ARBITRI: Merli e Toni di Terni

NOTE: spettatori 300 circa. Durata set: 27’, 35’, 33’, 23’. Battute punto: Gaia Energy 8, Caloni Agnelli 3. Battute sbagliate: Gaia Energy 9, Caloni Agnelli 14. Muri punto: Gaia Energy 8, Caloni Agnelli 13.

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − quattordici =

Accetto la Privacy Policy * for Click to select the duration you give consent until.

Precedente XXV anniversario della scomparsa di Giorgio Almirante
Successiva Pallavolo, Marianna Guerriero Arzano contro Caserta

Articoli Suggeriti

Villa Bruno: domani in biblioteca la presentazione del libro “Cuore di Rondine”

Celebrato il funerale della villa comunale di Napoli

Vitignoitalia. La campagna 2013

I vincitori del Premio Spaccanapoli in un’esclusiva mostra allo Slash ART/MSIC

“Percorsi di Vita”: un progetto destinato alle donne operate di tumore al seno

Uffizi Live: martedì doppio appuntamento in Galleria