Alla Corte degli Angioni e Aragonesi: Maschio Angioino e Chiesa dell’Incoronata


La visita partirà dal Maschio Angioino, a Napoli, la cui costruzione iniziò nel 1279 sotto il regno di Carlo I d’Angiò, su progetto dell’architetto francese Pierre de Chaule. Chiamato anche “Castrum Novum” per distinguerlo da quelli più antichi dell’Ovo e Capuano, durante il regno di Roberto d’Angiò divenne un centro di cultura dove soggiornarono artisti, medici e letterati fra cui Giotto, Petrarca e Boccaccio.
Con gli Aragonesi si assiste al passaggio dal medioevale castello-palazzo alla fortezza di età moderna, adeguata alle nuove esigenze belliche e la zona intorno al Castello perse il carattere esidenziale che aveva con gli Angioini. Oltre alla visita degli esterni esterni, con il grandioso Arco di Trionfo costruito in età aragonese per celebrare l’ingresso trionfante di Alfonso I nella città, sarà possibile visitare la Sala dei Baroni e il Museo Civico Civico, che si articola tra la Sala dell’Armeria, la Cappella Palatina o di Santa Barbara.La visita riguarderà anche l’area archeologica: durante alcuni lavori di restauro del cortile del castello, sono stati rinvenuti importanti reperti archeologici di epoca romana romana, del I secolo a.C. e del V secolo, oggi visitabili grazie ad un pavimento in vetro trasparente sotto al quale sono conservati i resti.Oltre a resti di una villa suburbana sono state rinvenute diverse decine di sepolture, risalenti sempre all’epoca romana, con corredi
funerari minimi e con alcuni oggetti personali, quali: anelli, orecchini ed una coppia di speroni in bronzo decorati da un felino.
A poca distanza dal castello visiteremo un’altra testimonianza della Napoli angioina: la chiesa di Santa Maria Incoronata Incoronata, edificata nel 1364, è ubicata sull’attuale via Medina ma risulta interrata rispetto al piano stradale in quanto, in epoca posteriore, l’area fu colmata, per volere di Carlo V, da sterri utilizzati per sistemare il fossato di Castel Nuovo Nuovo. Il tempio era destinato ad ospitare una preziosa reliquia, una spina della corona di Cristo, che la sovrana Giovanna I d’Angiò aveva richiesto espressamente in dono dal re di Francia, raffigurata nel portale d’ingresso.
L’edificazione di questa particolare “cappella palatina” esterna al Castello, subito dopo la morte del marito della Regina, doveva avere la funzione di rivendicare davanti al popolo napoletano la legittima sovranità di Giovanna.Riaperta al culto nel XVIII secolo, dopo un periodo di totale abbandono, ha subito una serie lunghissima di restauri.
Frammenti di affreschi trecenteschi attribuiti a Roberto Oderisi sono visibili nella prima campata, così come le pitture presenti nelle lunette, gravemente danneggiate. In fondo, a sinistra dell’altare maggiore settecentesco, vi è la Cappella del Crocifisso, un tempo affrescata con opere di inizio quattrocento i cui frammenti sono esposti nella navata maggiore, attribuiti ad un ignoto pittore di origine marchigiana.
SABATO 19 GENNAIO, 15,45PROGRAMMA- 15:45 Appuntamento con gli operatori Siti Reali presso ingresso Maschio Angioino Angioino, Napoli
– 18:00 Conclusione delle attivitàMODALITA’ DI PARTECIPAZIONEIl contributo è compreso di biglietto d’ingresso al sito
Contributo organizzativo non soci: € 10,00 (Per gli over 65 anni non soci € 5,00)
Contributo organizzativo soci: € 9,00 (Per gli over 65 anni soci € 4,00)
Appuntamento, ingresso Maschio Angioino, NapoliE’OBBLIGATORIO OBBLIGATORIO PRENOTARE ENTRO IL GIORNO PRIMA DELLA VISITA VISITA

info e prenotazioni 081/6336763 – 392 2863436 – www.sirecoop.it– cultura@sirecoop.it

Siti Reali

Nessun Commento

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Precedente Prosa Teatro Toniolo: "La torre d'avorio" regia Luca Zingaretti
Successiva Vitignoitalia. La campagna 2013

Articoli Suggeriti

GUIDO GRIMALDI, ARMATORE E CAVALIERE

Miss Vesuvio 2012: l’attore Patrizio Rispo incorona Federica Guadagno

DA VIVIANI AL NEAPOLITAN GIPSY JAZZ. DOLORES MELODIA INCONTRA MARIO ROMANO

Torre del Greco, il centro storico si rifà il look

Miss Ondina Sport, nella tappa di Castellammare di Stabia vince la 15enne Anna Santarpia

FABRIZIO FEDELE TRIO live sul palco del NOTTINGHAM PUB di Napoli